Ultimo aggiornamento
domenica, 23 Giugno 2024

Fondato da Gianfranco Cusumano

Milazzo, multe al semaforo di San Giovanni: le telecamere spostatele a Ponente

- Advertisement -

RIFLESSIONI. A distanza di parecchi mesi dalla famosa vicenda del semaforo di via Livatino  abbiamo preso atto dell’annullamento dei verbali  nelle diverse sedi presso le quali sono stati presentati i ricorsi ma rimane l’amaro in bocca per tutti coloro che hanno preferito pagare le multe e “smistare” i punti patente da detrarre a familiari e parenti,. Ebbene questi non potranno né riavere i punti persi né le somme sborsate a meno di non promuovere adeguata azione giudiziaria individuale.

L’amministrazione comunale ha per tempo  preso le distanze e  gli opportuni provvedimenti  a seguito anche delle numerose mozioni presentate dal consigliere d’opposizione Damiano Maisano, dapprima bloccando il funzionamento  dell’impianto semaforico  già dai primi di luglio e successivamente – non so se è un caso – riposizionando il dirigente del corpo di polizia locale presso altro reparto. Ma dell’impianto acquistato dal predetto dirigente con trattativa diretta per circa 34 mila euro cosa ne è stato?

- Advertisement -

Non vi è notizia di incidenti avvenuti dalla disattivazione dell’impianto ad oggi tranne che per alcuni avvenuti proprio durante il periodo nel quale sono stati recapitati gli innumerevoli verbali consegnati con frequenza giornaliera a casa degli sventurati automobilisti. Quei pochi incidenti sono  avvenuti per la “sindrome da semaforo”  (tamponamenti per frenate improvvise) e per i quali parecchi cittadini hanno visto aumentare la rata delle polizze assicurative!!

Il semaforo di San Giovanni

Verbali pagati dai contribuenti, punti patente decurtati,  comando di polizia locale invaso dai cittadini, incidenti da “sindrome da semaforo”, premi assicurativi aumentati, ma chi pagherà per tutto questo oltre al danno erariale?

Ma soprattutto che fine farà adesso l’impianto semaforico peraltro montato nella sola direzione di ingresso a Milazzo contrariamente a quanto stabilito dall’atto di indirizzo dell’amministrazione comunale?

Il suggerimento? Che venga smontato e che venga utilizzato in un incrocio di maggiore pericolosità come quelli che da via S. Giovanni permettono  l’accesso alla riviera di ponente , quantomeno  il famigerato “Autostop HD”  servirà per la registrazione dei sinistri che da sempre avvengono in particolar modo nella stagione estiva.

 All’incrocio di via Livatino non serve e non serviva.

Tonino Pino
Comitato multe semaforo

Commenta questo articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime notizie

Milazzo, lungomare di Ponente: Vespa travolge pedone. Ferite una ragazza è una donna

Dopo quello tragico di stamattina si è verificato un...

ULTIMA ORA. Milazzo, incidente mortale all’alba. A perdere la vita un sedicenne alla guida di uno scooter

ULTIMA ORA. Incidente mortale stamattina, all'alba, in via Mangiavacca,...

Leggi anche

Milazzo, la vera ricostruzione storica sui cunicoli ai piedi del Castello. Tra ipotesi e congetture

UN PO' DI STORIA. La recente scoperta di un cunicolo - il cui ingresso è venuto alla luce durante i lavori per la realizzazione...

VIDEO. Notte prima degli esami a Milazzo. Centinaia di studenti cantano Venditti alla Ngonia Tono

VIDEO. Centinaia di studenti del comprensorio di Milazzo ieri sera si sono riuniti alla Ngonia Tono per celebrare quello che è diventato ormai un...

Milazzo, cambia il vertice dell’ospedale Fogliani: Paolo Cardia trasferito a Taormina. Arriva Giallanza

Il dottore Nino Giallanza è il nuovo dirigente medico dell'ospedale di Milazzo. Come risulta a Milazzo 24, la disposizione è arrivata ieri pomeriggio, creando...