Ultimo aggiornamento
sabato, 20 Luglio 2024

Fondato da Gianfranco Cusumano

Allagamenti a Milazzo, il sindaco Midili delinea la strategia: nel mirino Vivai, Ferrovie e Autorità Portuale

- Advertisement -

Nel mirino vivai, Ferrovie, Autorità portuale. Il sindaco di Milazzo Pippo Midii ha incontrato dirigenti e funzionari comunali  del settore Territorio ed Ambiente e servizio idrico per fare il punto della situazione alla luce degli allagamenti di domenica scorsa e capire se le criticità emerse possano essere affrontate nell’immediato, in attesa dell’intervento più a medio –lungo termine, legato al finanziamento del progetto, presentato ormai da tre anni, relativo al nuovo sistema di convogliamento delle acque della Piana di Milazzo. Nel mirino gli scarichi delle acque all’interno dei vivai, i canaloni delle ferrovie e i muri alzati dall’Autorità portuale per delimitare le proprie aree.

Dal confronto con i tecnici è emerso che i punti di maggiore criticità sono Santa Marina, via Feliciata e via Orgaz, mentre nella riviera di Levante il consueta problema di è registrato in via  Tonnara che si è allagata per l’ennesima volta. Qui è stato verificato che  in alcuni punti dove sono state realizzate opere murarie le condotte mancano e altre sono invece  ostruite.

- Advertisement -

Un’altra questione  – secondo quanto riferito dai tecnici di palazzo dell’Aquila – legata alla Piana è l’eccessivo convogliamento di acque bianche nella rete fognaria. In buona sostanza la periferia paga l’eccessiva urbanizzazione nel tempo alla quale non è seguita un adeguato potenziamento dei sottoservizi.

«Ma è inutile muovere contestazioni – ha detto Midili – e poi vivere sempre lo stesso problema quando si registrano piogge intense come quelle di domenica quando sono venuti giù circa 100 mm di acqua. Per questo ho chiesto agli uffici di attivarsi subito con alcune azioni. Innanzitutto sarà potenziato il monitoraggio di tutti gli scarichi, inoltre sarà operata la verifica dei vivai presenti nelle varie frazioni per capire come al loro interno avviene lo smaltimento delle acque.  Inoltre coinvolgeremo gli uffici delle  Ferrovie per intimare entro 15 giorni di operare l’intervento di pulizia dei canaloni che abbiamo verificato erano ostruiti e lo stesso discorso sarà fatto con l’Autorità portuale, con la quale abbiamo lo scorso anno sottoscritto un protocollo che prevede un intervento sul sistema di smaltimento delle acque meteoriche che interessano il tratto compreso tra il piazzale Pizzoli e il molo Marullo, al fine di superare le criticità allo smaltimento delle acque piovane, determinate dalla realizzazione nei decenni passati delle infrastrutturazioni relative al porto. Interventi che solleciteremo all’Autorità di sistema”

Commenta questo articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime notizie

Leggi anche

La Commissione Unesco promuove lo studio di una studentessa tredicenne sul patrimonio di Castell’Umberto

La Commissione Nazionale Unesco ha pubblicato sul proprio sito lo studio di una giovane studentessa di Castell'Umberto. Si chiama Rosy Cassarà Scurria ed ha...

Da Sophia Loren a Gina Lollobrigida. A villa Vaccarino presentazione del libro “Maggiorate. Divismo e celebrità nella Nuova Italia”

IL 2024 è l’anno in cui Sophia Loren compie 90 anni (il 20 settembre) è anche quello in cui a Genova (il 28 e...

Crisi dell’acciaieria Duferco, incontro alla Regione: «Assicurare una proroga della cassa integrazione in attesa della riconversione»

La crisi dell’acciaieria Duferco in provincia di Messina e le pesanti ripercussioni sull’occupazione sono stati al centro di un incontro che si è svolto...