Fondato da Gianfranco Cusumano

Il comune di Milazzo vince una causa dopo 27 anni: rischiava di pagare 2 milioni di euro. In primo grado fu condannato

- Advertisement -

Una controversia durata 27 anni che rischiava di mettere ko le casse del comune di Milazzo. L’ente mamertino ha vinto una causa in Corte d’Appello (investita dalla Suprema Corte di Cassazione) legata all’esproprio del terreno in cui è stato realizzato il Centro mercantile per conto dell’Asi.

Alfredo Zappia

Venne realizzato in contrada Ciantro, sui terreni di proprietà dei fratelli Giuseppe e Guido Lo Miglio, circa 15 mila metri quadrati, con l’obiettivo di sostenere l’agricoltura. Il valore della causa è stato quantificato in 2 milioni 100 mila euro: se la sentenza di condanna in primo grado del Tribunale di Barcellona fosse stata confermata, per le casse comunali (e per i cittadini) sarebbe stato un bel salasso.Il comune difeso in tutti questi anni dall’avvocato Alfredo Orazio Zappia, con il supporto tecnico e amministrativo della dipendente comunale Santina Mondello, esperta in materia di espropri, ha avuto la meglio nella causa intentata da Vincenzo De Pasquale (subentrato ai Lo Miglio nei diritti sul risarcimento e indennizzo), assieme alla curatela fallimentare dei fratelli Lo Miglio e altre parti legittimate ad intervenire nel giudizio come gli eredi dei notai Arrigo.

- Advertisement -

Il valore della causa ammontava

a 2 milioni 100 mila euro

IL VALORE DEI TERRENI. Gli originari proprietari – a loro giudizio – avevano subito un  esproprio in cui era stato computato  un valore più basso dei terreni e di aver subito una  occupazione illegittima. In realtà il Comune si occupò di reperire i terreni solo dal punto di vista burocratico e amministrativo, come delegato, visto che poi l’opera fu realizzata dal Consorzio Asi. Per questa vicenda i “germani Lo Miglio” ritennero di   procedere giudizialmente.

SI VA IN CASSAZIONE. In prima battuta, con sentenza del settembre 1991, il Comune di Milazzo fu condannato dal Tribunale di Barcellona a pagare alla Cassa Depositi e Prestiti 411 mila euro quale differenza delle somme determinate giudizialmente e quelle versate in via amministrativa agli stessi titolari dei terreni. In Appello la sentenza viene riformulata a favore del Comune mamertino dichiarando la soccombenza dell’Asi. Ma la causa finisce in Cassazione.

LE SPESE DI GIUDIZIO. La suprema corte nel 2020 ha disposto di cassare la sentenza impugnata e rinviava il giudizio alla Corte di Appello di Messina, assistendo così di fatto ad un quarto giudizio, anche per la regolazione delle spese del giudizio di legittimità. La sentenza è arrivata nei giorni scorsi, confermando le richieste che il Comune di Milazzo ha sempre sostenuto. Tra l’altro si ritiene che il Consorzio Asi, oggi in liquidazione, è “unico soggetto passivamente legittimato è, come tale, tenuto al risarcimento dei danni”.Il danno cagionato agli eredi Lo Miglio era stato quantificato in 815 mila euro da rivalutare con gli interessi a partire dal 28 dicembre 1996. Aggiungendo le spese legali la cifra è lievitata a 2 milioni 100 mila euro.

Condividi su

Ultime notizie

Milazzo, il Comune presenta mercoledì la nuova app per smartphone

Mercoledì 28 febbraio alle 9:00 in sala giunta si...

Peppino Cocuzza / Basket Milazzo domina Marsala e festeggia il terzo trionfo consecutivo

La Peppino Cocuzza / Basket Milazzo continua la sua...

1 commento

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Pippo
Pippo
2 mesi fa

Finalmente un esproprio senza danni. Ricordiamo tutti i 2.800.00 euro versati alla Fondazione Lucifero per l’esproprio dei terreni ove sorge il palazzetto dello sport, per la negligenza degli uffici e mai perseguito i responsabili.

Fare colazione in biblioteca per appassionarsi alla lettura. L’iniziativa dell’assessore Russo per i piccoli studenti

L'obiettivo è quello di abituare i giovani alla lettura. Partendo già dagli alunni e dalle alunne della scuola primaria. Questo l’obiettivo dell’assessore alla pubblica...

RisolleviAmo Saponara, troppi pignoramenti e criticità nell’amministrazione: dal decoro alla fibra

Ferma presa di posizione di  Natale Saponara, coordinatore del Gruppo RisolleviAmo Saponara, in riferimento agli accertamenti pervenuti a tantissimi cittadini da parte della LaBconsulenza,...

Anche Milazzo aveva l’Inquisizione. Andati in fumo i documenti che accusavano chi ne faceva parte

UN PO' DI STORIA. Era il 26 Marzo del  1782 quando il vicerè Caracciolo, in esecuzione del decreto  del 16 Marzo 1782 dl Re Ferdinando...