Ultimo aggiornamento
domenica, 23 Giugno 2024

Fondato da Gianfranco Cusumano

Milazzo, la ricostruzione di Palazzo Ventimiglia diventa un calvario: il Comune fa ricorso al Cga. E l’area rimane degradata

- Advertisement -

STAI LEGGENDO MILAZZO 24. Potrebbe non bastare nemmeno la sentenza del Tar di Catania per dare il via alla ricostruzione all’antico Palazzo Ventimiglia in via degli Scopari, e porre fine ad un calvario (anche economico) che i proprietari stanno affrontando dal 2000 lottando contro il muro di gomma della burocrazia.

Nonostante il Tribunale amministrativo di Catania abbia accolto le ragioni della professoressa Eloisa D’Amico, proprietaria dell’immobile alle spalle di Palazzo D’Amico, la giunta comunale ha deciso di fare ricorso al Consiglio di giustizia amministrativa, impegnando altri 9.500 euro per continuare la lotta giudiziaria.

- Advertisement -

Un braccio di ferro che va al di la della “semplice” licenza edilizia”. Da un lato il Comune impedisce la riqualificazione dell’area realizzando l’edificio che ricalca quello originario. Dall’altra intima il mantenimento della pulizia dell’area in cui insistono i ruderi dell’antico palazzo nobiliare. Nonostante l’area sia stata messa in sicurezza e recintata dalla proprietaria, infatti, continua ad essere vandalizzata grazie anche all’assenza di videosorveglianza e alla carente illuminazione pubblica.

Secondo il Tar il Comune dovrebbe riesaminare nuovamente la richiesta di permesso di costruire

LA STORIA. Il progetto di ricostruzione, redatto dall’architetto Maria Giardina, aveva ottenuto, tra gli altri, il parere favorevole della Soprintendenza di Messina, che aveva ritenuto l’intervento «compatibile con le caratteristiche paesaggistiche locali». Tuttavia, nell’ottobre 2021 il Comune aveva negato il rilascio del permesso di costruire, affermando che all’interno delle aree residenziali del centro storico di Milazzo gli interventi di ristrutturazione edilizia e di nuova costruzione avrebbero potuto essere eseguiti esclusivamente tramite un Piano particolareggiato di iniziativa pubblica, e non attraverso singole concessioni edilizie. 

Il Tribunale Amministrativo, invece, ha dato ragione alla proprietaria dell’immobile, riconoscendo che il Piano particolareggiato di recupero del centro storico, adottato nel lontano 1997,  «è ormai da tempo divenuto inefficace» ed affermando che «la mancata adozione dello strumento attuativo non può essere l’unica ragione del diniego di concessione edilizia».

Secondo il Tar il Comune dovrebbe riesaminare nuovamente la richiesta di permesso di costruire e «verificare e valutare l’effettivo stato di urbanizzazione già presente nella zona e la concreta incidenza della nuova costruzione tenendo conto del tessuto urbano, del livello di edificazione raggiunta nella zona, del carico urbanistico e antropico nonché della capacità di assorbimento armonico e funzionale del nuovo edificato nel contesto già urbanizzato». Ma alla luce del ricorso al Cga, difficilmente l’ufficio tecnico comunale cambierà la posizione originaria.

Commenta questo articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime notizie

Milazzo, lungomare di Ponente: Vespa travolge pedone. Ferite una ragazza è una donna

Dopo quello tragico di stamattina si è verificato un...

ULTIMA ORA. Milazzo, incidente mortale all’alba. A perdere la vita un sedicenne alla guida di uno scooter

ULTIMA ORA. Incidente mortale stamattina, all'alba, in via Mangiavacca,...

Leggi anche

Milazzo. “Maglietta Gate”, la crisi nella giunta Midili rientra con due comunicati azzurri “a gentile richiesta”

Con due comunicati “a gentile richiesta” la crisi della giunta Midili ribattezzata "Maglietta Gate" si è conclusa nel tempo di un week end. La...

Messina, domani inaugurazione a Piazza Duomo del Beach Arena per la tappa messinese del Volleyball World Beach Pro Tour – Futures

Domani, mercoledi 19 giugno, alle ore 16.15, si terrà, l’inaugurazione ufficiale della Beach Arena, allestita a piazza Duomo di Messina, in occasione della tappa...

ULTIMA ORA. Milazzo, incidente mortale all’alba. A perdere la vita un sedicenne alla guida di uno scooter

ULTIMA ORA. Incidente mortale stamattina, all'alba, in via Mangiavacca, nel tratto stradale che costeggia i serbatoi della Raffineria. A perdere la vita un...