Ultimo aggiornamento
sabato, 20 Luglio 2024

Fondato da Gianfranco Cusumano

Pd: «Milazzo non è una città a misura di donna»

- Advertisement -

STAI LEGGENDO MILAZZO24. Quando riusciremo a dire che Milazzo è una città a misura di donna? A domandarselo è il circolo cittadino del Pd. Le donne a Milazzo rappresentano la metà della popolazione (51,3%) sono fondamentali nei lavori di cura in famiglia, sono la maggioranza nella scuola, nella Pubblica amministrazione, nella sanità «eppure continuano ad essere invisibili nella programmazione del modello di welfare che questo Comune ha inteso realizzare sul nostro territorio abbandonando anche i più fragili ed indifesi alle sole cure delle famiglie».

«Nella nostra città sono proprio le donne le grandi assenti dal dibattito politico manca la loro voce sul disegno futuro della città. Basti pensare che il timido tentativo, di questa Amministrazione, di avviare la Consulta delle donne è fallito. Ad oggi non si è costituita né insediata. Ricordiamo che a fare da apripista è stata l’Amministrazione comunale del 2000 con il sindaco Nino Nastasi grazie al quale si ebbe, per la prima volta nella storia della città, il regolamento per le Pari opportunità, la Consulta delle donne e l’Assessorato per le Pari Opportunità».

A Milazzo si registra un numero di donne over 70 maggiore rispetto agli uomini. rappresentano la metà della popolazione (51,3%)

- Advertisement -

Il Partito Democratico sottolinea che ad oggi il Comune di Milazzo «non ha istituito l’Assessorato alle Pari Opportunità, non sono state utilizzate risorse economiche per i servizi sociali rivolti specificatamente a donne né per attività di prevenzione, divulgazione sui temi della parità, della violenza di genere e sanità, né per un supporto all’inserimento lavorativo».

«Proprio in un territorio che ogni giorno dimostra come lavoro, servizi e sanità sono diritti da difendere pensiamo, ad esempio, il paventato pericolo di spostare il Consultorio Familiare in altro Comune aggravando il disagio dei cittadini che già vivono per non potere raggiungere alcuni presidi sanitari  trasferiti altrove», sottolinea il Pd. «In un territorio, dove chi ci governa dovrebbe dimostrare, proprio in questo momento, le capacità progettuali per un appropriato utilizzo delle risorse economiche a cominciare dai fondi del PNNR e del nuovo Piano di Zona che dovrà elaborare (dopo la lettura dei bisogni e la concertazione con tutte le parti sociali compreso il Terzo Settore) per l’utilizzo dei fondi destinati ai servizi sociali dalla L. 328/2000»

A Milazzo si registrano un calo delle nascite, un numero di donne over 70 maggiore rispetto agli uomini, alcune attive e vitali, altre in condizioni di solitudine, dove vivono tante donne straniere preziose alleate nella cura di bambini e genitori anziani. «Tante donne disoccupate sono costrette ad adattarsi a lavori sottopagati perché anche a Milazzo la disoccupazione colpisce più le donne che gli uomini – sottolinea la nota del Pd – Una città dove esistono fenomeni, soprattutto sommersi, di violenza nei confronti di donne, eppure la politica e l’urbanistica continua a trattare le donne come una realtà neutra. Ad esempio la mobilità, l’ubicazione delle scuole, degli asili, dei supermercati, la presenza di servizi e attività per i minori e per le famiglie i centri di incontro e di socializzazione per anziani».

Commenta questo articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime notizie

Leggi anche

Respiro internazionale e grande cucina, per la ripartenza dell’Hotel Metropole Taormina. Il nuovo chef è Pasquale Caliri

Inizia con una nuova proprietà la rinascita dell’Hotel Metropole Taormina, grazie all’acquisizione da parte di B.Zar Hotel&Co dell’iconico indirizzo nel cuore di Taormina, celebre...

La banda musicale di Olivarella festeggia il quindicesimo anniversario con un concerto a Piazza Duomo. A dirigerla il maestro Della Fonte

La banda musicale di Olivarella ha festeggiato il suo quindicesimo anniversario con un concerto a Piazza Duomo di San Filippo del Mela. L'evento ha attirato...

Da Sophia Loren a Gina Lollobrigida. A villa Vaccarino presentazione del libro “Maggiorate. Divismo e celebrità nella Nuova Italia”

IL 2024 è l’anno in cui Sophia Loren compie 90 anni (il 20 settembre) è anche quello in cui a Genova (il 28 e...