Ultimo aggiornamento
domenica, 16 Giugno 2024

Fondato da Gianfranco Cusumano

Milazzo, vie di fuga a San Giovanni: nessun progetto al Comune. La palla passa ai privati

- Advertisement -

 “Nessun progetto riguardante le vie di fuga della zona di San Giovanni risulta inserito nel Piano triennale delle opere pubbliche di questo ente”.

È quanto affermano in una nota di riscontro il sindaco Pippo Midili e l’assessore Santi Romagnolo, al gruppo di cittadini (circa 250) che nei giorni scorsi avevano inviato a palazzo dell’Aquila una petizione con la quale chiedevano la riapprovazione, in variante al Piano regolatore, del progetto relativo alla messa in sicurezza della viabilità esistente nella zona di San Giovanni con la realizzazione appunto della vie di fughe in direzione riviera di Ponente. Un progetto che a detta dei firmatari del documento risaliva a parecchi anni addietro.

- Advertisement -

Adesso invece è arrivata la precisazione dell’Amministrazione, che però non chiude alla realizzazione di tale importante opera che, potrebbe essere realizzata dai privati. Infatti – e nella lettera di riscontro si legge in maniera chiara – in questi anni trascorsi c’è stata la scadenza dei vincoli preordinati agli espropri e quindi i proprietari delle aree interessate all’eventuale azione del Comune, hanno chiesto al Tar di Catania  la nomina di commissari ad acta per la riclassificazione di quelle aree che venivano considerate “bianche”. E il Tar ha dato loro ragione nominando funzionari regionali per procedere agli adempimenti previsti.

Sono due le aree in questione del perimetro di San Giovanni. La prima riguarda il collegamento viario tra la via spiaggia di Ponente con via Escrivà e via Paratore. Il commissario ha adottato la variante urbanistica accogliendo l’istanza dei privati, raggiungendo l’accordo che sarà fatta la riclassificazione (dando così loro la possibilità di edificare), ma prevedendo nella pianificazione che dovrà essere presentata al Comune l’impegno da parte degli stessi a realizzare a loro cura e a loro spese, tale collegamento viario.

 La seconda procedura, che invece è ancora in itinere, riguarda la classificazione urbanistica, sempre a cura di un commissario ad acta, dell’area comprendente il collegamento viario tra la via spiaggia di Ponente con via Francesco Carlo Bonaccorsi e via Salvatore Recupero. E anche qui si dovrebbe arrivare ad un accordo per l’intervento privato.

Commenta questo articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime notizie

Leggi anche

Milazzo Cult Festival, ad inaugurare c’è Rocco Barbaro con il libro “Frutti diversi”

Primi due appuntamenti nel fine settimana col "Milazzo cult Festival" organizzato dalla Pro Loco nei giardini di villa Vaccarino. Oggi, sabato 15 giugno, alle...

Milazzo, finti carabinieri chiedono denaro raccontando di falsi incidenti. La testimonianza di un lettore di Milazzo 24

Continua anche nella zona di Milazzo l'attività di truffatori che - presentandosi come carabinieri - tentano di raggirare anziani facendo credere loro che un...

Milazzo, restyling del piazzale di fronte la stazione ferroviaria: chiusura lavori anticipata di sei mesi

I lavori di restyling del piazzale antistante la stazione ferroviaria di Milazzo dovrebbe essere ultimato entro dicembre, con sei mesi di anticipo sulla tabella...