Fondato da Gianfranco Cusumano

Capo Milazzo era un’isola. L’evoluzione che ha appassionato i geologi di tutto il mondo

- Advertisement -

UN PO’ DI GEOLOGIA. Immaginate di fare un tuffo nel mare di Milazzo di 1 milione di anni fa, quella che vedreste non sarebbe una penisola a forma di falce, bensì un’isola. Quella che vi sto raccontando infatti è un pezzo della storia geologica del nostro territorio, una storia che viaggia su una scala del tempo che non è quella dell’uomo, ma quella del tempo geologico, dove gli eventi accadono distribuiti su migliaia, anzi no, milioni di anni.

Le caratteristiche naturali rendono Capo Milazzo un libro della storia geologica della Sicilia nord-orientale, talmente interessante che fu studiato a lungo da geologi e naturalisti di tutto il mondo, specialmente nel periodo a cavallo tra l’800 e primi del ‘900. Fu infatti Molino Foti nel 1869, allievo di Giuseppe Seguenza (importante geologo e naturalista messinese del tempo), a descriverne la genesi  come dovuta a “un innalzamento lento e oscillante”.

Fino a circa 2 milioni di anni fa Capo Milazzo era “subacquea” e totalmente separata dalla Sicilia.

- Advertisement -

Con una lunghezza di circa 6 chilometri dalla zona del Castello a quella di Punta Messinese, l’attuale penisola è diventata tale connettendosi al resto della Sicilia solo in “tempi recenti”.

Fino a circa 2 milioni di anni fa, durante il periodo noto come Pleistocene, Capo Milazzo era infatti “subacquea” e totalmente separata dalla Sicilia.

Questa informazione è stata registrata nelle rocce del promontorio, testimoni di un patrimonio geologico unico: esse non si limitano solo a registrare l’origine sottomarina della “penisola del sole” ma rispecchiano e sintetizzano anche la storia geologica dei Monti Peloritani, suoi fratelli.

La stessa Via Sant’Antonio è una vivida testimonianza di tempi passati: quella che oggi rappresenta per i milazzesi una splendida strada che si erge a 50 m sul livello del mare, dove passeggiare e godere di tramonti mozzafiato sulle isole Eolie, un tempo fu una terra che si trovava allo stesso livello del mare, spianata e appiattita dall’azione delle onde e successivamente sollevata grazie alle forze dei processi della crosta terrestre.

Così come le montagne si sollevarono, anche l’acqua fu pronta ad agire, con il suo lento ma incessante scorrere. A partire da circa 10 mila anni fa, i corsi torrentizi iniziarono ad erodere le rocce delle montagne che attraversavano i Monti Peloritani, trascinando ingenti quantità di sedimenti verso mare i quali, accumulandosi, formarono un istmo che congiunse Capo Milazzo.
Così nacque la Piana di Milazzo.


Silvia Ilacqua
(geologa)

La geologa Silvia Ilacqua pagine Instagram e YouTube: silvia.paleogeo – Facebook: Silvia Ilacqua
Condividi su
Iscriviti al nuovo canale Whatsapp di Milazzo24.it

5 Commenti

Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Vaan
Vaan
15 giorni fa

Un bel articolo…molto bene approfondito… bravissima

Sephiroth_88
Sephiroth_88
15 giorni fa

Questa non la sapevo!! Un Grazie a questa fantastica Geologa che mi e ci ha fatto scopire le origini del mitico Capo di Milazzo, che noi tutti conosciamo e rispettiamo nella sua magnificenza 🤩

Daniele Gitto
Daniele Gitto
15 giorni fa

Non sapevo di questo passato “geologico” della nostra cara Milazzo. Questo è sicuramente un articolo di divulgazione scientifica che vale la pena leggere.

Last edited 15 giorni fa by Daniele Gitto
Domenico M
Domenico M
14 giorni fa

Le cose che non ti immagineresti mai delle tue zone… questa entra a farne parte di prepotenza… complimenti per l’articolo.

dr. Edoardo Macrì
dr. Edoardo Macrì
12 giorni fa

Grazie Silvia. Mi hai fatto capire perchè poco oltre il Castello ho trovato, anni fa, il guscio di ammoniti fossili di era paleolitica o mesozoica.

Ultime notizie

Sant’Opolo, la fonte scomparsa a Capo Milazzo

UN PO' DI STORIA. Fino alla fine degli anni...

Milazzo, tassa sui rifiuti: il consigliere Bagli presenta emendamento per agevolazioni

Il consigliere comunale Massimo Bagli ha presentato una proposta...

Da oltre dieci chiede stipendi arretrati per 130 mila euro: nuovo esposto di un milazzese alla Procura di Reggio Calabria

L'ex dipendente dell'Ato di Barcellona, il milazzese Tonino Puglisi...

Cocktail, Valeria La Fauci dell’istituto Guttuso di Milazzo sul podio del concorso “Lady Amarena Junior Fabbri”

All’Istituto professionale di stato per i servizi di enogastronomia...

Milazzo, abbandono di tartarughe di acqua dolce. Carmelo Isgrò (Museo del mare): «E’ una vera emergenza»

Oggi un'altra “tartaruga d’acqua dolce” ritrovata nella spiaggia di Ponente a Milazzo. Secondo il biologo Carmelo Isgrò, direttore del Mu.Ma di Milazzo (Museo del...

Milazzo, parcheggio dei pullman ai piedi del Castello: l’Amministrazione risponde a “Italia Nostra”

«Non può essere una associazione a determinare le priorità o le scelte di una Amministrazione democraticamente eletta». L’Amministrazione comunale, a seguito del comunicato stampa...

Milazzo, i fedeli di religione islamica salutano il Ramadan con una festa all’Area Marina Protetta

L'area Marina Protetta di Capo Milazzo ha ospitato i festeggiamenti per la fine del Ramadan 2024. Tutti i ragazzi coinvolti nei progetti di accoglienza...