Fondato da Gianfranco Cusumano

Donne ai margini tra l’Unità d’Italia e gli anni 70: a capo del progetto di ricerca nazionale il milazzese Fabio Milazzo

- Advertisement -

Il milazzese Fabio Milazzo è a capo di un progetto di ricerca nazionale del Centro Studi sulla Storia della devianza, del Crimine e della Marginalità (Cesdem), promosso dall’Istituto Storico della Resistenza e della Società Contemporanea di Cuneo. Indaga su donne ai margini, stereotipi di genere, devianze e costruzione del femminile in Italia tra l’Unità e gli anni Settanta del Novecento.

«La violenza maschile contro le donne – si legge in una nota – si è alimentata storicamente grazie a un orizzonte culturale segnato da diseguaglianze sociali e asimmetrie di genere. Lungi dall’essere il frutto di una violenza “naturale”, iscritta istintivamente nei rapporti tra i sessi segnati dal “dominio maschile”, essa va ricondotta alle sue coordinate storiche e culturali. Di esse fanno parte le immagini e le rappresentazioni che la società si è data intorno alla donna, alla sua natura, al ruolo occupato in relazione alla maternità e all’accudimento della prole e al rapporto fra i sessi. A partire dalla seconda metà dell’Ottocento, la riproposizione su base scientifica di consolidati stereotipi misogini, sancì l’inferiorità femminile su base biologica e sancì la costruzione di un’immagine del femminile legittimata dall’adesione a determinati ruoli sociali, a loro volta correlati alle funzioni biologiche inscritte nel corpo della donna. L’adesione o meno a quella che appunto era una definizione culturale di genere sancì il confine tra normalità e devianza femminile».

- Advertisement -

La ricerca indaga le coordinate storiche di questo processo, nell’arco di tempo compreso tra la fine dell’Ottocento e gli anni Settanta dell’Ottocento. Il gruppo di ricerca, costituito da ricercatori provenienti da diverse università italiane e centri di ricerca, è guidato dal direttore scientifico del Cesdem, il docente e ricercatore milazzese Fabio Milazzo (autore del libro: “Il tifo violento in Italia. Teppismo calcistico e ordine pubblico negli stadi (1947-2020)”) e coordinato da Marco Bernardi, dell’Istituto cuneese.

Il progetto, i cui risultati confluiranno in un volume, prevede l’organizzazione di un convegno e una giornata di studi, oltre ad attività rivolte ai docenti e agli alunni della scuola secondaria di secondo grado.

Per chi fosse interessato ad avere maggiori informazioni, può scrivere alla seguente mail: storiaedevianza@gmail.com

Condividi su

Ultime notizie

Peppino Cocuzza / Basket Milazzo domina Marsala e festeggia il terzo trionfo consecutivo

La Peppino Cocuzza / Basket Milazzo continua la sua...

Allagamenti a Milazzo, il centrosinistra bacchetta l’amministrazione: «Spesi soldi pubblici ma i disagi rimangono»

“E’ bastato un normale acquazzone, ampiamente previsto, per bloccare...
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Fare colazione in biblioteca per appassionarsi alla lettura. L’iniziativa dell’assessore Russo per i piccoli studenti

L'obiettivo è quello di abituare i giovani alla lettura. Partendo già dagli alunni e dalle alunne della scuola primaria. Questo l’obiettivo dell’assessore alla pubblica...

Lino Banfi al Milazzo Film Festival Attorstudio. Tra gli ospiti anche Fabrizio Bentivoglio e Michele Riondino

Lino Banfi sarà l’ospite d’eccezione della decima edizione della rassegna cinematografica Milazzo Film Festival - Attorstudio. Banfi, considerato uno dei più grandi comici del...

Olivarella, fiamme all’interno di una rosticceria. Ingenti i danni

Alle ore 5 30 il l distaccamento dei vigili del fuoco di Milazzo è intervenuta a Olivarella per l'incendio di una rosticceria friggitoria. Ingenti...