Fondato da Gianfranco Cusumano

Milazzo, lo sapete perchè il rione Vaccarella viene chiamato Washington? Questioni di…luci

- Advertisement -

UN PO’ DI STORIA. Difficile stabilire la genesi  del toponimo Vaccarella, famoso quartiere marinaro di Milazzo; le opinioni in proposito sono contrastanti. Verso la fine degli anni cinquanta  accadde comunque un fatto rilevante per la storia del quartiere; per la prima volta a quello di Vaccarella  venne associato  il nome di  Washington,   la capitale degli Stati Uniti d’America. Impossibile stabilire il periodo a partire dal quale nel linguaggio comune si  affermò  tale consuetudine.

Sappiamo con certezza che a metà degli anni 50 a cura delle Edizioni Rosario Di Bella (Bar, Riv.  Tabacchi)  in quegli anni ubicata   nel centro di Milazzo,  venne realizzata  la stampa di una  serie di cartoline, come quella in alto, in cui figurava tra  parentesi il nome della capitale americana associato a quello di Vaccarella. La cartolina (riprodotta in foto)  reca la data del 28 Giugno 1955 e restituisce una prospettiva antica di Vaccarella,  oggi non più esistente per le gravi alterazioni che essa ha subito nel corso degli ultimi decenni. Nella foto le barche dei pescatori sono tutte in legno,  prive di motorizzazione, si nota il battuto in terra  del lungomare Garibaldi, con la sede stradale  completamente libera.

A Vaccarella nel dopoguerra c’era benessere grazie alla pesca e al lavoro nelle navi mercantili quindi si diceva che Vaccarella era come Washington: c’era l’America”

- Advertisement -

Alcuni anni addietro, era l’11 Settembre del 2018, chiesi  ad una figura  storica  del quartiere notizie sul perché  ad un certo punto il nome  Washington fosse stato a associato al quartiere di Vaccarella. Il personaggio da me interpellato era il bottaio Salvatore Abbriano, nato nel 1927, oggi scomparso. Salvatore Abbriano aveva a quel tempo 91 anni, ma nonostante l’età  conservava una straordinaria lucidità di mente e di pensiero. La  conversazione avvenne nella terrazza sul mare di levante del bar Washington. Questo il  racconto: “tutto cominciò alcuni anni dopo la fine della guerra, perché tra quelle case di pescatori nonostante la modestia delle abitazioni, c’era un certo benessere. Molti pescatori e i loro figli  erano imbarcati sulle navi mercantili e navigavano in tutto il mondo. Le rimesse e i risparmi consentirono loro di comprare una casa dignitosa e di fare anche studiare i figli.  Quando sbarcavano  riprendevano il vecchio mestiere che avevano praticato prima; allora il mare era ancora ricco di pesci e si pescava bene, prendevano tonni, pesci spada, ricciole e guadagnavano, continuando però a percepire anche i soldi previsti durante lo sbarco. Quindi c’erano anche famiglie che se la passavano bene, avevano soldi messi da parte …quindi si diceva che Vaccarella era Washington volendo dire che per questi c’era l’America”.  Mi precisò anche che a Vaccarella allora non c’erano botteghe, solo “putie di vino”, perché quelli di Vaccarella preferivano comprare lontano per non farsi vedere dagli altri mentre spendevano.

Con l’illuminazione la Marina e  qualche altra strada la sera “erano di richiamo e tutti  volevano vederle”. Come nelle città americane

Questa la prima tesi  perché dopo una breve pausa me ne propose un’altra altrettanto suggestiva e plausibile. Questa a suo avviso era più antica perché  l’aveva sentita raccontare quando era più giovane ad alcuni vecchi: ”quando  portarono la luce solo poche strade furono illuminate dai primi lampioni, tutta Vaccarella tranne la Marina era ancora al buio, come anche era al buio tutto il borgo e le strade che salivano al borgo”.  

Con l’illuminazione la Marina e  qualche altra strada la sera “erano di richiamo e tutti  volevano vederle”.  Scendevano  dalla scalinata del Borgo (Via Erta Sa Domenico), da Via Roccazze, da via Scopari, da via Carrubbaro, da via Calcagno specie i più giovani. Fu così che iniziò l’usanza di dire che scendevano a Washington;  forse  qualche emigrato in America aveva scritto che le città americane la sera erano piene di luci.

Pino Privitera    

Condividi su
Iscriviti al nuovo canale Whatsapp di Milazzo24.it

2 Commenti

Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Lombardo Domenico
Lombardo Domenico
24 giorni fa

Mi è piaciuto molto, vivo a Milazzo da una vita,ma non sapevo da dove veniva questa denominazione.

Piero Lo Miglio
Piero Lo Miglio
23 giorni fa

Mia madre, che era del 21, nata e cresciuta a San Francesco bassa, aveva un’altra tesi: pare che tutto nasca all’ufficio postale, perché la maggior parte delle lettere e le rimesse destinate a Vaccarella provenivano proprio da Washington.

Ultime notizie

Da Milano a Palermo in bici contro per i diritti umani. La tappa di Milazzo alla Casa del Popolo

Ieri pomeriggio è giunto a Milazzo Vittorio Barbanotti, 72 anni, cardiopatico e diabetico ma innamorato dei diritti umani e dello sport. E' partito da...

Riceviamo e pubblichiamo: le precisazioni della dottoressa Antonia Lucia Locantro

Riceviamo e pubblichiamo: Oggetto: Articolo dal titolo: "Milazzo, da educatrice di asilo nido a capo della ragioneria del comune. L’opposizione contesta la nomina del sindaco...

Bandiera Lilla per le spiagge di Milazzo, il sopralluogo della commissione per verificare i requisiti

“Bandiera Lilla”, dopo l’adozione della delibera con la quale si approva lo schema di adesione con la cooperativa sociale “Bandiera Lilla” di Savona, unico...