Fondato da Gianfranco Cusumano

Milazzo, premio “Cittadino Semplice” in ricordo di Bartolo Cannstrà. L’intervento di don Luigi Ciotti

- Advertisement -

Si è svolta a Palazzo D’Amico la cerimonia di consegna del premio speciale “Cittadino Semplice”, ideato dall’associazione culturale “Città Invisibili”  che ogni anno consegna il riconoscimento ad una personalità di spicco. Quest’anno il premio è stato assegnato a don Luigi Ciotti e alla memoria di  Bartolo Cannistrà, per decenni docente al Liceo classico Impallomeni di Milazzo, presidente  delle associazioni “Società Milazzese di Storia Patria” ed “Italia Nostra”, promotore a Milazzo della Lute (Università terza età) di cui ha presieduto il Comitato scientifico.

Il sindaco Pippo Midili con le figlie del professore Bartolo Cannistrà

Dopo l’introduzione di  Alessio Pracanica, il presidente dell’associazione,  Santo Laganà ha spiegato la motivazione del riconoscimento alla memoria di  Cannistrà e di don Ciotti.  A consegnare il premio, ritirato dalle figlie di Cannistrà, il sindaco Pippo Midili, quale rappresentante della Città, perché quello conferito allo scomparso –ha detto Laganà- è il premio della Città.Ed il Sindaco ha considerato giusti i riconoscimenti, attribuendo al premio un grandissimo valore, sostenendo che è il gesto che conta e che Cannistrà merita. Letta la motivazione, i ringraziamenti della figlia Giuliana, pure da parte della madre, il ricordo del padre e un accenno al suo operato disimpegnato sempre con amore per la Città e senza mai pensare a tornaconti personali.

- Advertisement -

Pracanica, citando aneddoti personali , si è soffermato soprattutto nell’esaltare l’umiltà del professore Cannistrà.Quindi, l’intervento di Don Luigi Ciotti, il quale, traendo spunto e stimolato dalle domande di Pracanica e Laganà, ha effettuato un intervento ad ampio raggio dopo un accenno a Gigliopoli, soffermandosi poi a lungo sugli effetti della guerra in atto che impegna Israele, Hamas e Gaza, facendo riferimento al problema delle vittime, dei bambini, alle mamme che scrivono sul loro corpo il nome dei figli presi in ostaggio.  Quindi  ha posto l’accento sui disastri socio-ambientali; ha parlato dei cittadini in povertà assoluta; ha evidenziato la dispersione scolastica, in un’Italia che è culla della civiltà; ha invitato ad essere orgogliosi della nostra terra e a prendere atto che l’accoglienza deve cominciare dentro le nostre realtà.

Condividi su

Ultime notizie

Movida a Milazzo, troppe persone nei locali: questura eleva sanzioni e sospende le licenze

Controlli amministrativi ad opera dei poliziotti del Commissariato di Milazzo hanno...

Il giornalista milazzese Fabio De Pasquale nominato portavoce del presidente della regione Schifani

Il presidente della Regione Siciliana, Renato Schifani, ha nominato...
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Strade di Milazzo allagate, maggioranza diserta seduta consiliare e l’opposizione occupa l’aula

La minoranza consiliare questa sera ha occupato simbolicamente l'aula consiliare. Lorenzo Italiano, Damiano Maisano, Alessio Andaloro e Pippo Crisafulli hanno voluto portare l'attenzione sulla...

Milazzo, aumenta l’uso di droghe: carabinieri denuciano nove giovani

STAI LEGGENDO MILAZZO 24. Nel fine settimana, i carabinieri della Compagnia di Milazzo coordinati dal capitano Andrea Ortolani hanno intensificato i controlli. Nel corso...

Milazzo, nuova vita per un cavallo a dondolo abbandonato. Sarà donato al reparto di Pediatria

LA CURIOSITA'. Nuova vita ad un cavallo a dondolo ristrutturato da due artisti milazzesi protagonisti del connubio arte-solidarietà. Si tratta del maestro artigiano Bartolo...