Ultimo aggiornamento
domenica, 23 Giugno 2024

Fondato da Gianfranco Cusumano

Provaci ancora Antonello, il nuovo libro di Enzo Basso sul caso Montante. E sull’antimafia

- Advertisement -

Provaci ancora Antonello è il nuovo saggio di Enzo Basso, giornalista e scrittore. In questo addendum, come lo stesso autore definisce lo scritto, vi è soprattutto il giornalista cane da guardia del potere. Il testo completa il saggio già editato Ricatto Montante. Se avevamo provato paura nella lettura del primo, in questo addendum l’indignazione sovrasta ogni altro sentimento. I fatti narrati – documentati e circostanziati – fanno impallidire la celebrata serie House of Cards. Ma, in questa i personaggi sono attori inarrivabili, Montante non ha, invero, la classe di Kevin Spacey, indossa l’abito della bugia e l’armatura della mafia dell’antimafia. Eppure, magistrati, ministri, forze dell’ordine e giornalisti sono stati affascinati da questo cantastorie seriale. Non ci sono giustificazioni che possano spiegare questo inganno di Stato.

In questo breve e pregnante pamphlet, Enzo Basso, descrive il ritorno del geometra di Serradifalco: i primi capitoli espongono e spiegano con quali meccanismi da scatole cinesi egli stia cercando di reimpadronirsi delle sue aziende – complici curatori fallimentari, consulenti e diatribe manzoniane fra procure – sono i paragrafi cinque e sei del testo che conferiscono allo scritto pregnanza morale e valore sociale.

- Advertisement -

L’ex eroe dell’antimafia è descritto dai suoi collaboratori come un personaggio affetto da narcisismo: è implacabile, capace di azioni da stolker e privo di sentimenti di comune bontà. La procellosa e intrepida volontà del potere è causa di un delirio di onnipotenza e di meschinità nei confronti di quanti vengono considerati avversari o potenziali nemici. Lo scopo è annientare, rendere inoffensivi, distruggere ogni ostacolo che si frappone al suo disegno con ogni mezzo. La chiusura di Centonove è esempio paradigmatico. I mezzi adoperati sono stati ampiamente descritti da Basso in Ricatto Montante e Giustizia Amara e, non pare che sia stato contraddetto. Il caso Montante rappresenta un vulnus democratico su cui bisognerebbe riflettere molto. A meno di non accettare di essere l’uomo cavallo di Nietzsche o il fantasma sacrificale di Lacan. Enzo Basso ha esposto fatti inconfutabili e, quindi le istituzioni preposte nel nostro ordinamento costituzionale dovrebbero agire. E i giornalisti raccontare.

Diego Celi

Commenta questo articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime notizie

Milazzo, lungomare di Ponente: Vespa travolge pedone. Ferite una ragazza è una donna

Dopo quello tragico di stamattina si è verificato un...

ULTIMA ORA. Milazzo, incidente mortale all’alba. A perdere la vita un sedicenne alla guida di uno scooter

ULTIMA ORA. Incidente mortale stamattina, all'alba, in via Mangiavacca,...

Leggi anche

San Filippo del Mela, giovedì 27 giugno l’ultimo appuntamento della Primavera culturale con Alfonso Lo Cascio

Con l’arrivo dell’estate a San Filippo del Mela si traccia il bilancio della primavera culturale appena conclusasi, notevolmente ricca di eventi ed occasioni per...

Il comune di Milazzo aderisce al progetto “Disability card”. Servizi e benefici per i diversamente abili. Come richiederla

A distanza di due anni dall’atto di indirizzo del consiglio comunale promosso dalla consigliera Fabiana Bambaci, l’amministrazione comunale ha aderito al progetto Disability card,...

Milazzo. “Maglietta Gate”, la crisi nella giunta Midili rientra con due comunicati azzurri “a gentile richiesta”

Con due comunicati “a gentile richiesta” la crisi della giunta Midili ribattezzata "Maglietta Gate" si è conclusa nel tempo di un week end. La...