Fondato da Gianfranco Cusumano

Sant’Opolo, la fonte scomparsa a Capo Milazzo

- Advertisement -

UN PO’ DI STORIA. Fino alla fine degli anni ’60 un rivolo d’acqua sgorgava ancora da una  parete di roccia di contrada Manica: era la fonte di Sant’Opolo. Tra il XII e il XVI secolo nei pressi della fonte sorgeva una piccola chiesa, probabilmente sui resti di un preesistente eremitaggio. Si raggiungeva percorrendo un breve sentiero, a seguire  alcuni gradini  in pietra portavano alla piccola depressione. La fonte di contrada Bevaceto rappresentava un miracolo della natura nella dorsale che conduceva al Capo di Milazzo. Ha resistito per secoli e la sua esistenza è attestata in numerosi documenti. Ad eccezione di questa al Capo non c’era altra acqua di sorgente e gli abitanti si servivano di quella piovana raccolta nelle cisterne.

L’antica fonte di Sant’Opolo a Capo Milazzo

Per lungo tempo è stato un luogo caro a molti e specie agli abitanti del Capo di Milazzo;  destinazione di passeggiate  e gite. Da Sant’Opolo  si ammirava il mare di Levante e l’occhio, con la visuale libera dalla vegetazione, spaziava (qualche secolo addietro)  fino ai contrafforti dei Peloritani che ospitavano gli abitati di Santa Lucia, San Pier Niceto, Rocca e  l’antica Maurojanni (Valdina) fino a Capo Rasocolmo. 

La fonte di contrada Bevaceto rappresentava un miracolo della natura nella dorsale che conduceva al Capo di Milazzo

- Advertisement -

L’antico nome del sito era Sant’Euplio divenuto poi Sant’Opolo nella vulgata popolare. Il culto di Euplio, martire catanese sotto Diocleziano nel IV secolo, fu probabilmente introdotto  da monaci provenienti dalla Sicilia orientale dove sin dall’inizio si era diffuso.

Il Padre Cappuccino Francesco  Perdichizzi, nato a Milazzo nel 1641   e appartenente ad antica famiglia  nel suo “Melazzo Sacro” scritto verso la fine del 1600 così ne riferisce: “… vi fu anticamente la chiesa dedicata a Sant’Eupleo martire diacono catanese, nomato dai milazzesi Apolo… ma  ai nostri tempi non ha avuto fortuna di vedersi più in piedi. Fu molto frequentata sia  per la devozione al  santo, sia ancora per essere luogo delizioso, essendo in un seno o valle fra due promontori con una fonte d’acqua limpidissima che conserva il nome del Santo”.  

Sempre ad opera del Perdichizzi vi è un’altra citazione relativa a  “… un’altra piccola fonte di buona acqua sorgeva nella riviera di levante, sotto la moderna Chiesa di San Nicolò, in quel luogo detto la reale o scaro dei liparoti”. Lo scaro o cala dei liparoti  corrisponde  nelle mappe costiere alla  piccola baia che precede la Riva Smeralda, rifugio per le barche dei pescatori  ma anche posto di occultamento  per le veloci lance  dei  corsari liparoti che predavano  feluche e tartane intente a navigare  sotto costa.

Pino Privitera

Condividi su
Iscriviti al nuovo canale Whatsapp di Milazzo24.it

1 commento

Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
idamo
idamo
1 mese fa

Probabile che la causa sia di qualche terremoto che ha deviato il corso dell’acqua. Anche quì in una localiuta chioamata Jovana c’era un ruscello che per secoli o millenni aveva acuq, ora è asciutto

Ultime notizie

Milazzo, ha fatto il periplo del Capo trascinato dalle correnti? Ritrovato sulla Panoramica il giovane disperso in mare

STAI LEGGENDO MILAZZO 24. Ha fatto il periplo del Capo trascinato dalle correnti? Si tratta di una ipotesi, se ne saprà di più in...

Sicurezza sul lavoro, convegno a Roma con le proposte del gruppo di lavoro nazionale del milazzese Gabriele Pergolizzi

Si è tenuto a Roma il Convegno utile a portare sul tavolo del Governo proposte migliorative per la sicurezza sui luoghi di lavoro nella...

Da Milano a Palermo in bici contro per i diritti umani. La tappa di Milazzo alla Casa del Popolo

Ieri pomeriggio è giunto a Milazzo Vittorio Barbanotti, 72 anni, cardiopatico e diabetico ma innamorato dei diritti umani e dello sport. E' partito da...