Ultimo aggiornamento
sabato, 20 Luglio 2024

Fondato da Gianfranco Cusumano

Messina, “La coperta di Beatrice” per dire no alla violenza sulle donne

- Advertisement -

MESSINA. Nella sede del Cirs Casa Famiglia è stata inauguarata l’iniziativa di sensibilizzazione contro la violenza sulle donne “La coperta di Beatrice”. Tutta la scalinata Mons. Francesco Bruno che porta alla struttura è stata “avvolta” dalla lunghissima coperta che nei mesi scorsi è stata realizzata da una rete di associazioni e privati. L’evento, nell’ambito delle celebrazioni per la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne, è stato promosso dal C.I.R.S. ETS e dall’Acisjf sezione di Messina, con la partecipazione della Polizia di Stato.

“Abbiamo bisogno di fatti, abbiamo bisogno di azioni concrete- ha commentato la presidente del Cirs Maria Celeste Celi- ‘la coperta di Beatrice’ è un segnale per testimoniare che attraverso la creazione di una rete virtuosa si possono lanciare messaggi positivi. Il Cirs è sempre in prima linea in questo, e attraverso tutti gli eventi che organizza, si batte perché l’argomento relativo alla violenza sulle donne venga trattato nella maniera corretta, senza spettacolarizzazione del dolore e quindi senza incitazione all’emulazione della violenza stessa».

- Advertisement -

Durante i mesi scorsi, le associazioni aderenti, ma anche privati, sotto il coordinamento della presidente dell’Acisjf Messina Anna Tarantino e del Cirs, hanno realizzato spezzoni di coperte create a maglia ed all’uncinetto che verranno unite insieme formando una grande coperta, a simboleggiare la costruzione di una rete virtuosa per dire no alla violenza sulle donne attraverso azioni concrete in sinergia con le istituzioni e le forze dell’ordine.

Il progetto, realizzato anche in altre importanti città italiane, è stato chiamato “La coperta di Beatrice”, dal nome della figlia neonata di una giovane donna che è stata ospite della casa famiglia del Cirs e che attraverso un difficile percorso di recupero della propria autonomia, è riuscita a lasciare la struttura, trovare un lavoro e ricostruirsi una vita serena, una famiglia con un compagno amorevole e oggi con la piccola Beatrice.  “La coperta di Beatrice” è nata dunque per dire no alla violenza, ma anche per simboleggiare la rinascita da situazioni di vita drammatiche, il riscatto, e l’importanza di una “rete virtuosa” di calore, protezione, che funga da supporto.

Le coperte sono oggetto di raccolta fondi. Chi vorrà potrà acquistarle facendo una donazione. Il ricavato verrà interamente devoluto al C.I.R.S. Casa famiglia ETS e all’Acisjf di Messina e destinato a progetti di formazione e inserimento lavorativo delle donne vittime di violenza o in stato di disagio socio economico.

Commenta questo articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime notizie

Leggi anche

Milazzo, al Nuovo circolo Tennis e Vela corso per 120 baby arcieri della Pama Archery di Mike Palumbo. Il video dei record

VIDEO. Si è concluso dopo un mese lo stage con oltre 120 baby arcieri al Nuovo Circolo Tennis e Vela di Milazzo organizzato dalla...

La banda musicale di Olivarella festeggia il quindicesimo anniversario con un concerto a Piazza Duomo. A dirigerla il maestro Della Fonte

La banda musicale di Olivarella ha festeggiato il suo quindicesimo anniversario con un concerto a Piazza Duomo di San Filippo del Mela. L'evento ha attirato...

L’indiscrezione. Milazzo, Pronte le dimissioni dell’assessore Impellizzeri. Tra i papabili Natascia Fazzeri, già segretario del Pd

L'INDISCREZIONE. Ancora non c'è nulla di ufficiale ma a Palazzo dell'Aquila in molti giurano che nei prossimi giorni potrebbero esserci novità in giunta. Secondo...