Ultimo aggiornamento
domenica, 23 Giugno 2024

Fondato da Gianfranco Cusumano

Regione, decreto da 15,8 milioni per garantire le prestazioni nelle strutture sanitarie accreditate

- Advertisement -

In arrivo dalla Regione 15,8 milioni di euro per quelle strutture private accreditate che nel 2023 hanno permesso, da un lato, di rispondere al crescente bisogno di prestazioni specialistiche dei cittadini siciliani e, dall’altro, di ridurre il volume delle liste d’attesa.

In particolare, più di 11 milioni di euro sono stati recuperati dai finanziamenti al settore della nefrologia che, secondo le proiezioni dell’anno in corso, sono risultati in eccesso. Due milioni di euro rimarranno a disposizione degli specialisti che effettuano trattamenti di dialisi, al fine di coprire i costi dell’aggiornamento delle tariffe che erano ferme al 2013, mentre i restanti 9,3 milioni andranno ai laboratori di analisi (5,2 milioni), agli ambulatori di fisiokinesiterapia (3,8 milioni) e agli ambulatori di odontoiatria (300 mila euro).
Inoltre, il decreto dell’assessorato regionale della Salute stabilisce che altri 6,5 milioni siano distribuiti alle aziende sanitarie provinciali per essere erogati successivamente a quelle strutture private che hanno contribuito all’abbattimento delle liste d’attesa, in particolare nel settore delle visite specialistiche “a branche” (esclusivamente tra quelle indicate come “prestazioni critiche” dal ministero della Salute), nella radiologia e nella medicina nucleare. Quest’ultimo stanziamento si inserisce nell’ambito del Piano operativo per il recupero delle liste d’attesa della Regione Siciliana, predisposto dal dipartimento della Pianificazione strategica guidato dal dirigente generale Salvatore Iacolino, e approvato dalla giunta regionale lo scorso 27 luglio.

«La stretta collaborazione tra pubblico e privato – dice il presidente della Regione Siciliana Renato Schifani – è uno degli obiettivi fondamentali del mio governo nella gestione della sanità perché fondamentale, almeno in questa fase, per garantire a tutti i cittadini le prestazioni richieste in tempi adeguati. Ciò non significa che non lavoriamo contemporaneamente e concretamente al potenziamento del servizio sanitario pubblico, ma non sarebbe logico privarsi di una sinergia che sta dando ottimi frutti».
«Con queste due linee di finanziamento – dice l’assessore regionale alla Salute Giovanna Volo – si chiude un cerchio. In questo 2023 ci siamo confrontati più volte con i rappresentanti delle diverse categorie e abbiamo trovato soluzioni concrete e immediate per riconoscere, per quanto possibile, lo sforzo di chi ha lavorato per garantire i livelli di assistenza. È nostra intenzione proseguire su questa strada, tenendo vivo il dialogo con i diversi soggetti impegnati nella tutela del diritto alla salute dei cittadini».

Commenta questo articolo

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Ultime notizie

Milazzo, lungomare di Ponente: Vespa travolge pedone. Ferite una ragazza è una donna

Dopo quello tragico di stamattina si è verificato un...

ULTIMA ORA. Milazzo, incidente mortale all’alba. A perdere la vita un sedicenne alla guida di uno scooter

ULTIMA ORA. Incidente mortale stamattina, all'alba, in via Mangiavacca,...

Leggi anche

Milazzo, fiori d’arancio per il consigliere comunale Antonio Amato e Giulia Gitto

Fiori d'arancio in consiglio comunale. Ieri pomeriggio si sono uniti in nozze il consigliere comunale Antonio Amato e la compagna Giulia Gitto. La cerimonia...

San Filippo del Mela, giovedì 27 giugno l’ultimo appuntamento della Primavera culturale con Alfonso Lo Cascio

Con l’arrivo dell’estate a San Filippo del Mela si traccia il bilancio della primavera culturale appena conclusasi, notevolmente ricca di eventi ed occasioni per...

Milazzo, cambia il vertice dell’ospedale Fogliani: Paolo Cardia trasferito a Taormina. Arriva Giallanza

Il dottore Nino Giallanza è il nuovo dirigente medico dell'ospedale di Milazzo. Come risulta a Milazzo 24, la disposizione è arrivata ieri pomeriggio, creando...