Fondato da Gianfranco Cusumano

Milazzo, il sindaco Midili sul rischio di chiusura del punto nascite del Fogliani: «Pretendo chiarezza dall’Asp»

- Advertisement -

L’anticipazione di Milazzo 24 sulla possibile chiusura del punto nascite a Milazzo scuote il mondo politico (LEGGI QUI). A prendere posizione sul rischio che l’ospedale Fogliani perda il reparto di Ostetricia e Neonatologia è il sindaco Pippo Midili. Il riferimento riguarda le ultime notizie relative alla possibile chiusura del reparto di ostetricia e neonatologia. “Sino ad ora ho appreso di questa eventualità leggendo alcune notizie di stampa – dice il primo cittadino –. Pretendo che l’Asp si pronunci subito in merito. Se c’è carenza di personale perché nell’anno in corso sono andati in pensione dei medici, si adottino i dovuti correttivi. Anche perché “saltando” questo reparto,  si metterebbe a rischio anche il reparto di pediatria che è una eccellenza, dotata  di apparecchiature di ultima generazione, dove operano  medici che garantiscono anche i turni all’ospedale di Lipari».

Il sindaco  Pippo Midili prende posizione in generale sulle carenze che si registrano all’ospedale Fogliani dove nei giorni scorsi è emerso che manca almeno il 25 per cento del personale rispetto alle previsioni della pianta organica e invoca un immediato intervento da parte dei vertici dell’Asp.
 «Pretendiamo più attenzione da parte dell’Azienda sanitaria – afferma il primo cittadino -. Non è possibile consentire che situazioni di criticità si radicalizzino nel tempo sino a diventare delle vere e proprie penalizzazioni per gli operatori sanitari e per l’utenza. E soprattutto pretendiamo chiarezza su alcune situazioni che rischia di avere pesanti ripercussioni sull’utenza».

- Advertisement -

Discrasie che sarebbe accentuate, come rileva ancora Midili, da un’altra  assurdità: la mancanza di un direttore sanitario all’interno dell’ospedale.
“Mi risulta – prosegue il sindaco di Milazzo – che da tempo al “Fogliani” è presente, soltanto un giorno alla settimana, il direttore dell’ospedale di Taormina. Non è possibile. Non è possibile che un presidio di primo livello come Milazzo, si ritrovi praticamente senza una guida. E’ una mortificazione per la mia città e per tutto il comprensorio che non sono più disposto a tollerare. Anche perché ritengo che buona parte dei problemi che si registrano sono determinati proprio dall’assenza di una figura stabile che possa coordinare la struttura ospedaliera che, ribadisco è un DEA di primo livello e non un piccolo presidio. La presenza costante, quotidiana, di un direttore sanitario è fondamentale per evitare che nell’inerzia più assoluta e in assenza di una persona preposta ad adottare i dovuti interventi, la situazione vada peggiorando sempre di più, legittimando le continue proteste dei cittadini”.

E qui il sindaco di Milazzo fa riferimento ad altri “reparti in forte sofferenza”. «Penso ad ortopedia – afferma Midili – che oggi, dopo la chiusura del reparto di Sant’Agata, assicura un servizio ad un intero comprensorio da Villafranca a Tusa. E’ assurdo che il reparto si ritrovi privo di medici in grado di garantire la reperibilità notturna, costringendo chi ha dato la disponibilità a turni massacranti. Non solo. Il personale medico e paramedico numericamente limitato deve far fronte ad un carico di lavoro insostenibile e il reparto è impossibilitato a fare fronte alla crescente richiesta di assistenza da trauma da parte di pazienti che provengono da tutta la provincia”.

Condividi su

Ultime notizie

Peppino Cocuzza / Basket Milazzo domina Marsala e festeggia il terzo trionfo consecutivo

La Peppino Cocuzza / Basket Milazzo continua la sua...

Allagamenti a Milazzo, il centrosinistra bacchetta l’amministrazione: «Spesi soldi pubblici ma i disagi rimangono»

“E’ bastato un normale acquazzone, ampiamente previsto, per bloccare...
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Peppino Cocuzza / Basket Milazzo domina Marsala e festeggia il terzo trionfo consecutivo

La Peppino Cocuzza / Basket Milazzo continua la sua corsa trionfale, sconfiggendo senza appello il Marsala e siglando così il terzo successo consecutivo. Il...

Bruciate le reti ad un pescatore, l’intervento dell’Anapi Pesca. «Calpestato il lavoro di chi rispetta le regole»

L’Anapi Pesca Sicilia esprime ferma e severa condanna per il grave atto intimidatorio compiuto nella notte del 23 febbraio a Rinella (Salina) nei...

Anche Milazzo aveva l’Inquisizione. Andati in fumo i documenti che accusavano chi ne faceva parte

UN PO' DI STORIA. Era il 26 Marzo del  1782 quando il vicerè Caracciolo, in esecuzione del decreto  del 16 Marzo 1782 dl Re Ferdinando...