Fondato da Gianfranco Cusumano

Ticket “falsato”, l’Asp chiede rimborsi per visite mediche del 2013. Da Milazzo parte la protesta

- Advertisement -

Centinaia di milazzesi hanno ricevuto richieste di rimborso per prestazioni sanitarie in regime di esenzione ticket inviate di recente dalle Aziende Sanitarie Provinciali della Regione per prestazioni risalenti anche a 10 anni fa. L’ammontare delle somme pretese a titolo di rimborso, in alcuni casi pari anche a migliaia di euro, sono maggiorate con spese e sanzioni amministrative. Queste sono state notificate a ridosso della scadenza del termine decennale di prescrizione dei relativi diritti. Si tratta di prestazioni sanitarie fruite dagli utenti nel 2013 e, stando a quanto riportato nelle richieste di rimborso, sono frutto di verifiche reddituali incrociate con i dati reddituali autocertificati dai destinatari all’atto della richiesta di esenzione.

Massimo Bagli, Agostina Recupero e Francesco Magistri, nelle loro qualità di segretari provinciali/zonali di U.Di.Con.(Unione Difesa Consumatori), Fna (Federazione Nazionale Agricoltura), Asnali (Associazione Nazionale Autonoma Liberi Imprenditori) hanno chiesto un tempestivo intervento del Presidente della Regione Sicilia e dell’Assessore alla Sanità segnalando che le richieste stanno creando «panico e sconcerto nei destinatari» vista «l’estrema genericità delle richieste» che quantificano «una somma predeterminata, non accompagnata da alcun prospetto da cui poter evincere quali e quante prestazioni sanitarie sarebbero state fruite in regime di esenzione ticket».

- Advertisement -

Tra l’altro «il lasso di tempo (10 anni) trascorso dalla data delle presunte prestazioni, talmente ampio da pregiudicare la possibilità del destinatario di ricordare le condizioni che hanno legittimato la richiesta di esenzione, nonché le prestazioni sanitarie eseguite».

Bagli, Recupero e Magistri hanno scritto al Presidente della Regione Sicilia e all’Assessore alla Sanità «di intervenire con ogni più opportuna iniziativa legislativa al fine di introdurre una parziale sanatoria delle somme pretese dalle ASP, ossia con eliminazione di quanto preteso per spese e sanzioni amministrative, e pagamento del solo importo dovuto (ove effettivamente dovuto) a solo titolo di recupero quota ticket».

Maggiori informazioni possono essere richieste alla sede U.di.con di Via Vittorio Veneto, 8 – tel: 0909013723

 

Condividi su

Ultime notizie

Al castello di Milazzo domenica c’è il Darwin Day

“Darwin Day” domenica prossima – 3 marzo - presso...

Movida a Milazzo, troppe persone nei locali: questura eleva sanzioni e sospende le licenze

Controlli amministrativi ad opera dei poliziotti del Commissariato di Milazzo hanno...
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Allagamenti a Milazzo, il sindaco Midili delinea la strategia: nel mirino Vivai, Ferrovie e Autorità Portuale

Nel mirino vivai, Ferrovie, Autorità portuale. Il sindaco di Milazzo Pippo Midii ha incontrato dirigenti e funzionari comunali  del settore Territorio ed Ambiente e...

Bruciate le reti ad un pescatore, l’intervento dell’Anapi Pesca. «Calpestato il lavoro di chi rispetta le regole»

L’Anapi Pesca Sicilia esprime ferma e severa condanna per il grave atto intimidatorio compiuto nella notte del 23 febbraio a Rinella (Salina) nei...

Allagamenti a Milazzo, proteste in via Feliciata: «Il Comune ha realizzato lavori ma non è cambiato nulla»

DILLO A MILAZZO 24. Polemiche in via Feliciata, nella Piana di Milazzo. Ieri, a causa della pioggia la strada si è nuovamente allagata, situazione...